Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

DISPOSIZIONI CONSIGLIO FEDERALE SVIZZERO / INGRESSO E USCITA DALLA SVIZZERA

Data:

17/03/2020


DISPOSIZIONI CONSIGLIO FEDERALE SVIZZERO / INGRESSO E USCITA DALLA SVIZZERA

Si informano i connazionali che a seguito delle decisioni adottate dal Consiglio Federale elvetico lunedì 16 marzo 2020, sono state estese a Francia, Germania ed Austria le restrizioni alle frontiere già previste per l'Italia.

Per coloro che provengono da questi Paesi è in principio escluso l'ingresso nella Confederazione, a meno che si tratti di cittadini svizzeri in rientro, di cittadini stranieri muniti di permesso di soggiorno svizzero o di lavoro.
Sono consentiti i transiti ed il trasporto di merci.

Ad oggi, è possibile rientrare in Italia:

a) AEREO: sono attivi due collegamenti al giorno con Alitalia, rispettivamente da Zurigo a Roma FIUMICINO (ore 11:05) e da Ginevra a Roma FIUMICINO (ore 11:45) . Non è possibile prevedere fino a quando saranno operativi. Si prega, pertanto, di consultare il sito dell'AlitaliaIn transito all'aeorporto bisogna essere in possesso di biglietto per poter proseguire per l'Italia

b) TRENO: i collegamenti ferroviari con l’Italia sono stati ridotti, ma è ancora possibile raggiungere Milano Centrale con treni in partenza da Zurigo, Ginevra e Basilea. Tali possibilità sono soggette a modifiche con brevissimo preavviso. A partire da giovedì 19 marzo le corse fino a Milano Centrale saranno sospese e tutte le tratte avranno termine in frontiera (Briga/Chiasso). Si prega pertanto di consultare il sito delle ferrovie svizzere;

 

CONTROLLI ALLA FRONTIERA:

L’autorità di confine svizzera vieta a tutte le persone provenienti da un Paese o una regione a rischio di entrare in Svizzera, tranne per casi particolari.

Leggere attentamente le indicazioni sul sito della Segreteria di Stato della migrazione SEM (In transito all'aeorporto bisogna essere in possesso di biglietto per poter proseguire per l'Italia)

 

Ritornare alla pagina Focus sul Coronavirus

 

 


656